EMERGENZA CORONAVIRUS

Già dai primi segnali di allarme dell’emergenza Coronavirus in Cina, data la portata dell’impatto della situazione sanitaria anche sulle attività economiche, Confindustria ha costituito una Task force interna coinvolgendo i responsabili delle Aree di competenza su tutte le tematiche oggetto di interesse.

La Task force, punto di raccordo tra Confindustria e gli attori istituzionali, risponde in maniera puntuale ed efficiente alle esigenze del Sistema associativo.

In una prima fase, legata principalmente alla gestione delle problematiche dei rapporti commerciali con la Cina, lo stretto coordinamento con l’Unità di Crisi della Farnesina e con il Ministero della Salute, hanno consentito di gestire l’insorgere di prime problematiche legate al contatto con le merci provenienti dalla Cina, il trattamento dei lavoratori italiani rientrati dalla Cina, il rimpatrio dei lavoratori da e verso la Cina, l’approvvigionamento di merci e le esportazioni, nonché la partecipazione delle imprese alle fiere internazionali.

In una seconda fase, più propriamente legata al diffondersi dell’emergenza soprattutto nel nostro Paese, Confindustria ha rafforzato il novero delle azioni introdotte che allo stato attuale riguardano diversi livelli: dal confronto con i Ministeri competenti per la messa in campo repentina di strumenti fiscali, finanziari e giuslavoristici tesi a minimizzare l’impatto dell’emergenza sul sistema economico italiano, al supporto diretto alle Associazioni del Sistema, alla collaborazione con la Protezione Civile, fino alla definizione di una comunicazione coordinata con le altre Parti Sociali.